7 strategie di coping utili a regolare le emozioni di fronte alle difficoltà.

regolazione-emozioni

Le emozioni fanno parte della vita di ognuno di noi, da sempre.
Dal momento in cui veniamo al mondo accompagnano la nostra esistenza, attivandosi ogni volta in cui si verifichi la necessità di fronteggiare un’ emergenza derivata dall’ ambiente. È grazie alla paura, per esempio, che evitiamo di mettere in atto comportamenti pericolosi o attraverso la tristezza che chiediamo aiuto agli altri, ovvero cerchiamo di tutelare il più possibile la nostra esistenza. In questo senso le emozioni preparano all’ azione attraverso tendenze comportamentali che spingono a muoversi verso qualcosa o, al contrario, evitarla. Queste azioni mentali sono molto importanti in quanto si caratterizzano come strategie con cui la persona affronta una certa situazione emotiva; in psicologia tale aspetto è definito coping ed influenza moltissimo la riuscita di fronte alle avversità della vita rendendo alcune persone più “vincenti” rispetto ad altre.
Quando ci si trova di fronte ad una circostanza problematica si può cercare di affrontarla usando una strategia centrata proprio sul problema, sfidandolo in maniera diretta attraverso le nostre risorse; al contrario, qualora ciò non sia possibile, si può adottare una strategia che si focalizza più sull’ emozione, che mira per lo più a controllare gli effetti negativi di una reazione emotiva troppo intensa.regolazione-emozioni2

Ecco 7 strategie di coping da utilizzare per gestire le emozioni di fronte ai problemi:

  1. Accettare il confronto:

Accettare il confronto è una modalità molto “attiva” di rapportarsi ai problemi in quanto, mantenendo ferme le proprie convinzioni, permette di combattere per raggiungere il proprio obiettivo, senza arrendersi.

  1. Prendere le distanze:

Questo stile spinge principalmente ad aggirare il problema, evitando di pensare troppo su quanto accaduto e andando avanti per la propria strada, senza mai voltarsi. Il problema, in questo modo, non viene “affrontato di petto”, ma isolato, senza ripensamenti.

  1. Autocontrollarsi:

L’ autocontrollo come strategia di coping porta a non condividere con gli altri tutti quei sentimenti sperimentati in seguito ad un evento vissuto in maniera più o meno traumatica. Evitando di cercare supporto negli altri, quindi, usando questa modalità si nasconde la propria difficoltà o sofferenza puntando prevalentemente sulle proprie risorse interiori.

  1. Ricercare il sostegno sociale:

Questa strategia è esattamente opposta alla precedente: anziché cercare di risolvere tutto da sé,  si sceglie, in questo caso, di parlare con chi, si pensa, possa essere di aiuto. Che si tratti di una figura di riferimento, di un conoscente o di qualcuno che suscita fiducia, in ogni caso viene accettata la comprensione offerta, facendone un’ importante risorsa.

  1. Accettare la responsabilità:

Si parte dall’ idea che, se qualcosa è avvenuto, ciò dipende in parte (o del tutto) da se stessi. Questo tipo di autocritica, da cui consegue un riconoscimento della propria colpa in ciò che è avvenuto, può essere un buon modo per affrontare un’ avversità.

  1. Pianificare la soluzione:

Preso atto della problematica presentata, ci si focalizza sul problema; in questo modo, analizzando la situazione, e prendendo atto del fatto che, compiendo certe azioni, si può trovare un rimedio, si tende a raddoppiare i propri sforzi per realizzare un piano di risoluzione.

  1. Rivalutarsi positivamente:

Si tratta di partire da se stessi per rapportarsi all’ imprevisto. Ritrovare fiducia in se stessi, sulle proprie capacità e risorse, acquisendo una buona stima si sé consente di porsi di fronte all’ ostacolo in maniera fiduciosa, favorendo così la nascita di buone idee. Pensare “Posso trovare una soluzione grazie alle mie risorse”, infonde un senso di sicurezza e tranquillità che pone di fronte all’ ostacolo in maniera serena e costruttiva.

Le emozioni si sono sviluppate proprio come risposta agli eventi esterni, nonostante questo talvolta, data la loro caratteristica di impulsività, può essere utile imparare a gestirle al fine di rapportarsi nella maniera più appropriata di fronte a tutte quelle avversità, più o meno frequenti, che si presentano nel corso della vita di ognuno.

Riferimento Bibliografico:
– Mecacci, L. (2001), Manuale di Psicologia Generale e Sperimentale, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze.

Annunci

4 pensieri su “7 strategie di coping utili a regolare le emozioni di fronte alle difficoltà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...